Sei in Home / Servizi / Guide utili / Guida al bollo auto / Regioni e Province Autonome convenzionate con ACI / Regione Lazio / Riduzioni ed esenzioni per auto consegnate ai concessionari per la rivendita

Riduzioni ed esenzioni per auto consegnate ai concessionari per la rivendita

Regione Lazio

Riduzioni ed esenzioni per auto consegnate ai concessionari per la rivendita

Per ottenere l'esenzione dal pagamento delle tasse automobilistiche le imprese autorizzate devono presentare presso le Delegazioni ACI gli elenchi quadrimestrali cartacei, con i relativi supporti magnetici, di tutti i veicoli ricevuti in consegna per la rivendita. Su tali elenchi, da presentare entro il mese successivo al quadrimestre nel corso del quale è avvenuta la consegna del veicolo, devono essere indicati i dati fiscali dei veicoli stessi, la categoria e il titolo in base al quale è avvenuta la consegna con i relativi estremi.
Non costituiscono titolo per la sospensione dell’obbligo del pagamento della tassa automobilistica regionale la consegna dei veicoli, effettuata mediante procura speciale per la vendita, alle imprese autorizzate o comunque abilitate al commercio degli stessi, nonché l’esibizione della fattura di vendita al concessionario in assenza dell’avvenuta presentazione della formalità pere la trascrizione del titolo di proprietà al PRA.
Ai fini della sospensione dell’obbligo del pagamento del bollo auto, i soggetti autorizzati o comunque abilitati al commercio degli stessi per la successiva rivendita sono tenuti alla trascrizione del titolo di proprietà al PRA (minivoltura) dei veicoli loro consegnati. L’obbligo del pagamento delle tasse automobilistiche regionali è interrotto a decorrere dal periodo fisso immediatamente successivo a quello di scadenza di validità della tassa corrisposta e fino al mese precedente a quello in cui avviene la rivendita. In caso di vendita del veicolo, il concessionario è tenuto al pagamento della tassa automobilistica fino all’avvenuta trascrizione del passaggio di proprietà al PRA.

Con Legge Regionale n.11 del 29/7/2015 la Regione Lazio ha disposto che i soggetti autorizzati o abilitati al commercio e alla rivendita dei veicoli concessi in uso noleggio senza conducente, che risultino proprietari dei veicoli stessi, sono tenuti, prima di presentare la richiesta di sospensione, a variare la destinazione d’uso dei veicoli da uso di terzi a uso proprio.

Per i periodi tributari fissi compresi tra l’entrata in vigore dell’articolo 9, comma 2 della l.r. 2/2013 (1/5/2013) e l’entrata in vigore della l.r. 11/2015 (31/7/2015) la variazione di destinazione d’uso del veicolo può essere attestata mediante dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.