Sei in Home / Archivio notizie / Coppa d'Oro delle Dolomiti 2014

Coppa d'Oro delle Dolomiti 2014

22.07.2014

Una sfida omerica alla Coppa d'Oro delle Dolomiti, come tra Ettore e Achille nell’Iliade o tra Coppi e Bartali. Mozzi/Biacca su Triumph TR2 contro Cané/Galliani su Lancia Aprilia: soli al comando sui tornanti del Pordoi. I giovani e talentuosi vincitori dell’ultima Mille Miglia contro i veterani delle corse d’auto d’epoca e trionfatori in ben 10 Mille Miglia e 7 Coppa d’Oro delle Dolomiti.

Quella che Tazio Nuvolari definì “la Mille Miglia delle montagne”, ha regalato emozioni forti nella sfida per il podio. A salire sul gradino più alto, è stato il team composto da Giordano Mozzi e Stefania Biacca, sposini novelli ed enfant prodige delle gare di regolarità. Dopo un recupero mozzafiato sul Pordoi, dalla quarta alla seconda posizione, Giuliano Cané e Lucia Galliani invece si sono dovuti accontentare del secondo piazzamento: un passaggio di testimone in piena regola. Al terzo posto l’imprenditore bresciano Domenico Battagliola affiancato dal co-pilota Giacomo Salvalaggio su Austin Healey 100 BN1 del 1955.

Sul podio Giordano Mozzi ha dichiarato: “Vincere nello stesso anno la Mille Miglia e la Coppa d’Oro delle Dolomiti è una gioia immensa. Ad accomunare le due gare di regolarità sono sicuramente la bellezza dei paesaggi e la difficoltà tecnica dei tracciato. Continuerò a gareggiare con mia moglie e co-pilota: a gennaio 2015 ci cimenteremo nel Rally storico di Montecarlo”. Solo secondo nell’edizione 2014 Cané: “E’ stata una gara bella e un duello appassionante con Mozzi. Per quest’anno possiamo dire che il testimone è passato di mano, ma non ho alcuna intenzione di abdicare”.

La 53° edizione della Coppa d’Oro delle Dolomiti ha premiato anche quest’anno il coraggio della sfida, quella passione d’altri tempi che mette insieme oggi come negli anni ‘50 uomo, macchina e natura. Il mito dei gentlemen drivers è anche questo e lo si è visto sui 14 passi dolomitici, nell’affrontare pendenze del 10%.

Terzo posto per Domenico Batttagliola: “Sono al settimo cielo, il terzo piazzamento è una grande soddisfazione per uno come me giovane sul piano agonistico e per di più in una gara molto difficile tecnicamente. Ho trascorso tre giorni con gente splendida: una gara affrontata in forma molto goliardica rispetto alla solitudine con la quale ci si sfida alla Mille Miglia. Coppa d’Oro delle Dolomiti ha le carte in regola per diventare la Mille Miglia di domani anche grazie all’impegno e al talento di un patron come Alessandro Casali”.

Il presidente dell’ACI Belluno Gianpaolo Bottacin ha espresso la sua soddisfazione per una gara d’auto d’epoca che permette di scoprire la bellezza delle Dolomiti e contribuisce ad affermare il ruolo di primo piano del Veneto nel panorama turistico internazionale. Un bilancio estremamente positivo quello espresso dal Presidente del Comitato Organizzatore Alessandro Casali: “La scelta di anticipare i giorni di gara, da settembre a luglio come nelle edizioni storiche, è stata vincente: abbiamo avuto un tempo splendido che ha agevolato i drivers su strade di montagna non semplici da affrontare e ha regalato panorami suggestivi; è stata eccezionale la partecipazione dei tantissimi appassionati che sul ciglio delle strade hanno scattato foto e incitato i propri beniamini. Va sottolineato, inoltre, che Coppa d’Oro delle Dolomiti rappresenta non solo un importante evento sportivo, ma anche e soprattutto un volano economico per il territorio: nei quattro giorni di gara alberghi e ristoranti a Cortina hanno registrato il tutto esaurito, il Veneto e l’Alto Adige hanno potuto godere di una visibilità nazionale e internazionale. Sono orgoglioso di aver contribuito, soprattutto con la crisi economica che non molla, ad invertire la tendenza e dare il nostro contributo al Pil nazionale”.