Sei in Home / Archivio notizie / Rally Italia Sardegna: 62 equipaggi, 100.000 persone e 370 giornalisti pronti a invadere l'isola

Rally Italia Sardegna: 62 equipaggi, 100.000 persone e 370 giornalisti pronti a invadere l'isola

05.06.2015

Dall'11 al 14 giugno i motori danno spettacolo

Il fascino della corsa al 100% su terra contraddistingue il Rally Italia SardegnaSi accendono già i motori al Rally Italia Sardegna, tappa italiana del Campionato del Mondo Rally WRC organizzata dall’Automobile Club d’Italia con il supporto della Regione Autonoma della Sardegna. La corsa si aprirà giovedì 11 giugno alle ore 19.30 con la spettacolare prova speciale a Cagliari, che l’anno scorso ha sfoggiato sulle televisioni di tutto il mondo una magnifica cornice di pubblico con 40.000 appassionati lungo il tracciato di 1,25 km nell’area portuale del capoluogo sardo.

La carovana del Rally si sposterà poi su Alghero - dove sono allestiti il parco assistenza e il quartiere generale della manifestazione - disputando 23 prove speciali su 1.000 km di strade sterrate della Sardegna da venerdì 12 a domenica 14 giugno. Oltre 100.000 persone tra spettatori e addetti ai lavori nei quattro giorni di gara porteranno nelle casse del tessuto turistico del territorio 15 milioni di euro. Più di 370 i giornalisti provenienti da tutto il mondo accreditati all’evento, con 190 televisioni collegate. In Italia la manifestazione andrà in onda su Fox Sport 2. I 62 equipaggi e i loro team stanno già sbarcando nell’isola per le ricognizioni del percorso e la messa a punto dei veicoli.

Il presidente ACI, Angelo Sticchi Damiani, con il presidente FIA, Jean Todt“Per caratteristiche tecniche, ambientazione e paesaggio il Rally Italia Sardegna è il più bello del Mondiale – ha dichiarato Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’Automobile Club d’Italia, durante la presentazione odierna presso la sede dell’ACI a Roma – e lo stiamo difendendo con i denti perché è sempre molto impegnativo organizzare corse di questo tipo con standard così alti. Puntiamo sul fascino del rally interamente su terra, che rappresenta sempre più un elemento distintivo del nostro Paese nel calendario mondiale. A riconoscimento del nostro sforzo riscontriamo anche quest’anno il sostegno della Federazione Internazionale dell’Automobile, evidenziato dalla presenza del presidente FIA Jean Todt in Sardegna”.

Il Rally Italia Sardegna piace tanto anche ai piloti. Lo hanno testimoniato oggi in conferenza stampa i rappresentanti della nazionale tricolore rally “ACI TEAM ITALIA”, Fabio Andolfi  e Giuseppe Testa, oltre al Campione del Mondo Produzione, Max Rendina. Quest’ultimo purtroppo non potrà prendere il via in Sardegna, fermato dai medici dopo l’incidente nell’ultima prova mondiale in Portogallo.

Informazioni e notizie sulla gara 2015 su www.rallyitaliasardegna.com