Sei in Home / Archivio notizie / ACI: segno più a giugno per il mercato dell'usato con bilanci positivi anche per le radiazioni

ACI: segno più a giugno per il mercato dell'usato con bilanci positivi anche per le radiazioni

05.07.2017

Alla crescita a due cifre registrata a giugno dalle prime immatricolazioni fa riscontro un parallelo incremento - anche se meno accentuato - del mercato dell’usato, che chiude il mese con un bilancio positivo sia nel settore auto che nel settore moto.

I passaggi di proprietà delle quatto ruote, depurati dalle minivolture (i trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale), a giugno hanno messo a segno un incremento mensile del 5,3%, con 123 vetture di seconda mano vendute per ogni 100 vetture di nuova immatricolazione, che salgono a 135 considerando l’intero primo semestre dell’anno.

In aumento anche i passaggi di proprietà dei motocicli, che al netto delle minivolture hanno registrato una variazione mensile positiva del 9,5%.

Complessivamente nel periodo gennaio-giugno 2017 si evidenziano incrementi del 3,5% per le autovetture, dello 0,7% per i motocicli e del 2,4% per tutti i veicoli.

I dati sono riportati nell’ultimo bollettino mensile “Auto-Trend”, l’analisi statistica realizzata dall’Automobile Club d’Italia sui dati del PRA, consultabile sul sito www.aci.it.

Bilancio con il segno più a giugno anche per le radiazioni. I dati mensili evidenziano una crescita delle radiazioni delle autovetture del 5,3% rispetto all’analogo mese del 2016. Il tasso unitario di sostituzione a giugno è stato pari a 0,61 (ogni 100 auto iscritte ne sono state radiate 61), attestandosi a 0,66 nel primo semestre.

Primo incremento mensile per l’anno in corso per le radiazioni dei motocicli, che hanno chiuso il bilancio di giugno con una variazione positiva del 2,7%.

Nel primo semestre del 2017 le radiazioni hanno fatto registrare incrementi complessivi dell’1,3% per le autovetture e dell’1,1% per tutti i veicoli, mentre resta in terreno negativo il settore dei motocicli, in calo dell’8,1%.