Sei in Home / Servizi / Guide utili / Guida pratiche auto / Cambio di residenza

Cambio di residenza

Per aggiornare il cambio di residenza sui documenti del veicolo (certificato di proprietà o foglio complementare e carta di circolazione) bisogna rivolgersi agli uffici del comune, il servizio è gratuito, presentando la seguente documentazione:

  • documento di identità/riconoscimento
  • gli estremi della patente e delle targhe del veicolo
  • modulo di richiesta in distribuzione presso il comune che va, in parte, conservato insieme ai documenti di circolazione, per gli eventuali controlli stradali fino all'arrivo per posta del tagliando di aggiornamento della carta di circolazione.

Il comune comunica il cambio di residenza all'ufficio provinciale della Motorizzazione Civile (UMC) che spedisce direttamente al nuovo domicilio un tagliando adesivo, da incollare sulla carta di circolazione e invia al PRA un tabulato meccanografico con il quale comunica il cambio di residenza.

Per avere informazioni sullo stato di aggiornamento della pratica si prega contattare il numero verde 800.23.23.23 dell’Ufficio Centrale Operativo del Centro Elaborazione Dati del Ministero dei Trasporti attivo tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.30 alle ore 14.00 e dalle ore 14.30 alle ore 17.30 oppure consultare il Portale dell’Automobilista.

Il PRA provvede d'ufficio ad aggiornare il proprio archivio. Il certificato di proprietà cartaceo (CdP) o il foglio complementare continueranno a riportare il vecchio indirizzo, ma questo non pregiudica in alcun modo la validità di tali documenti. Non è, dunque, necessario svolgere alcuna pratica al PRA.

Costi previsti per legge

Emolumenti ACI

13,50 euro

Imposta di bollo per registrazione al PRA

32,00 euro (se si utilizza il CdP come nota di presentazione) o
48,00 (se si utilizza il modello NP3C come nota di presentazione)

Se ci si rivolge a una delegazione dell'Automobile Club o a uno di studio di consulenza automobilistica (agenzia pratiche auto) oltre ai costi previsti per legge, per la richiesta bisogna aggiungere la tariffa - in regime di libero mercato - del servizio di intermediazione.