Sei in Home / Servizi / Normative / Codice della strada / TITOLO IV - GUIDA DEI VEICOLI E CONDUZIONE DEGLI ANIMALI / Art. 129. Sospensione della patente di guida.

Art. 129. Sospensione della patente di guida.

"Nuovo codice della strada", decreto legisl. 30 aprile 1992 n. 285 e successive modificazioni.

TITOLO IV - GUIDA DEI VEICOLI E CONDUZIONE DEGLI ANIMALI

Art. 129. Sospensione della patente di guida.

1. La patente di guida è sospesa, per la durata stabilita nel provvedimento di interdizione alla guida adottato quale sanzione amministrativa accessoria, quando il titolare sia incorso nella violazione di una delle norme di comportamento indicate o richiamate nel titolo V, per il periodo di tempo da ciascuna di tali norme indicato.

2. La patente di guida è sospesa a tempo indeterminato qualora, in sede di accertamento sanitario per la conferma di validità o per la revisione disposta ai sensi dell'art. 128, risulti la temporanea perdita dei requisiti fisici e psichici di cui all'art. 119. In tal caso la patente è sospesa fintanto che l'interessato non produca la certificazione della Commissione medica locale attestante il recupero dei prescritti requisiti psichici e fisici. (1).

3. Nei casi previsti dal precedente comma, la patente di guida è sospesa dai competenti uffici del Dipartimento per i trasporti terrestri. Nei restanti casi la patente di guida è sospesa dal prefetto del luogo di residenza del titolare. Dei provvedimenti adottati, il prefetto dà immediata comunicazione ai competenti uffici del Dipartimento per i trasporti terrestri per il tramite del collegamento informatico integrato già esistente tra i sistemi informativi del Dipartimento per i trasporti terrestri e della Direzione generale dell'amministrazione generale e per gli affari del personale del Ministero dell'interno (2).

4. Il provvedimento di sospensione della patente di cui al comma 2 è atto definitivo. (3)


(1) Così modificato dall'art. 15, d.P.R. 19 aprile 1994, n. 575. (2) Così modificato dall'art. 10, d.P.R. 19 aprile 1994, n. 575. (3) Comma modificato dal decreto-legge n. 151/2003, conv. con legge n. 214 del 1° agosto 2003 ed effetto dal 1° settembre 2003.