Regione Lombardia

Servizio di assistenza diretta agli utenti

La Regione Lombardia è convenzionata con ACI per l'attività di controllo e di riscossione delle tasse automobilistiche. 

I contribuenti interessati a richiedere informazioni sulla propria posizione tributaria possono rivolgersi alle Unità Territoriali ACI e alle Delegazioni ACI presenti su tutto il territorio.  

L'assistenza e la consulenza in materia di tasse automobilistiche è inoltre assicurata dal  Contact Center Regione Lombardia ( numero verde 800 151121 - servizio attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00; mail infobollo@lombardia.aci.it)

inizio pagina


Modalità di pagamento

Il pagamento della tassa automobilistica può essere effettuato:

  • presso le delegazioni ACI;
  • presso le agenzie di pratiche auto;
  • mediante il servizio Bollonet (riscossione su internet con pagamento tramite PagoPA);
  • mediante il servizio home banking e/o presso gli sportelli bancomat (ATM)
    Consulta l'elenco delle banche convenzionate;              
  • presso le agenzie di pratiche auto;
  • presso le agenzie di pratiche auto aderenti al consorzio SERMETRA;
  • presso i tabaccai convenzionati con Banca ITB, con collegamento al Ruolo Regionale;
  • presso i tabaccai aderenti al polo Lottomatica, compilando le apposite schede distinte in:
    scheda A: per autovetture ed autoveicoli ad uso promiscuo soggetti al pagamento della tassa in misura piena;
    scheda B: per autoveicoli ed autovetture che beneficiano di un particolare trattamento fiscale (es. taxi), per altri veicoli (es. autobus, autocarri, rimorchi, motocicli, ciclomotori, ecc.);
  • presso gli Uffici Postali in modalità on-line.

    ATTENZIONE!!!
    A partire dal 1° Dicembre 2008 il conto corrente postale 2238, dedicato al pagamento della Tassa Automobilistica, non è più attivo.
    Presso gli Uffici Postali, il pagamento della Tassa Automobilistica potrà essere effettuato esclusivamente con modalità online.
    Le eventuali problematiche che non consentissero l'operazione del pagamento online dovranno essere risolte, presso le Agenzie di pratiche automobilistiche oppure presso le Delegazioni ACI autorizzate, con la bonifica degli archivi e a titolo gratuito per il cittadino, utilizzando gli strumenti messi a disposizione dal sistema regionale della Tassa Automobilistica.

N.B. I residenti nella Regione Lombardia possono effettuare il versamento della tassa automobilistica presso gli sportelli sopra indicati anche se si trovano al di fuori della loro provincia o regione di residenza.

inizio pagina


Domiciliazione bancaria – Riduzione 10% tariffe

 

Gli importi complessivamente dovuti sono ridotti del 10% in caso di pagamento tramite domiciliazione bancaria; sono esclusi i pagamenti per targhe prova e tassa di circolazione.

 

inizio pagina


Importo da pagare

L'importo della tassa automobilistica può essere visualizzato consultando i tariffari oppure utilizzando il servizio online Calcolo Bollo Auto.

I residenti nella Regione Lombardia, oltre all'importo della tassa automobilistica, devono sostenere i seguenti costi per l'operazione di versamento:

  • Euro 1,87 per versamenti effettuati negli uffici ACI;
  • Gratis per versamenti effettuati con Bollonet tramite PagoPA (eventuali costi ulteriori dipendono dal PSP selezionato al momento dell’acquisto);
  • €1,87  per le Banche/Istituti di pagamento che utilizzano il Polo Telematico ACI, altrimenti il costo dipende dal singolo Istituto scelto;
  • Euro 1,87 per versamenti effettuati presso le agenzie bancarie tranne i pagamenti effettuati presso Intesa San Paolo e Banca Popolare di Sondrio ove il servizio è gratuito;
  • Euro 1,87 per versamenti effettuati presso i tabaccai;
  • Euro 1,50 per versamenti on-line (1,30 gli altri) effettuati presso gli Uffici Postali.

inizio pagina


Pagamenti cumulativi – Riduzione Tariffe

Ai sensi della DGR n. 7224 del 17/10/2017, in caso di pagamento con modalità cumulativa, gli importi complessivamente dovuti sono ridotti nelle misure seguenti: 

  • 10%: per società che svolgono attività di locazione finanziaria per i veicoli concessi in leasing, per i periodi tributari compresi nella vigenza del contratto;
  • 10%: per soggetti con personalità giuridica limitatamente ai veicoli di proprietà;
  • 10%: per acquirenti di veicoli nuovi di fabbrica che fruiscono dei benefici della domiciliazione bancaria in presenza di finanziamenti per il tramite di banche o intermediari finanziari;
  • 10% della tariffa già ridotta del 10% nell’anno precedente: per società che svolgono attività di noleggio veicoli relativamente ai veicoli adibiti ad uso noleggio senza conducente (nell’anno 2019, la tariffa sarà ulteriormente ridotta del 10% rispetto al 2018). 

L’agevolazione è concessa esclusivamente ai soggetti obbligati al pagamento della tassa automobilistica a favore della Regione Lombardia. 

Le riduzioni si applicano ai soli pagamenti ordinari, effettuati in modalità cumulativa entro la scadenza di legge ad eccezione di ritardi non imputabili all’inerzia del contribuente. Le medesime agevolazioni non sono cumulabili tra loro.

I soggetti aderenti alla modalità di pagamento cumulativo della tassa automobilistica sono obbligati ad utilizzare la PEC quale modalità esclusiva di comunicazione con la Regione 

Ai sensi della Decreto 15166 del 30/11/2017, sono stati approvati i seguenti  modelli di adesione per il pagamento cumulativo della tassa automobilistica.:

SOCIETÀ DI LEASING

SOCIETÀ DI NOLEGGIO VEICOLI 

PERSONE GIURIDICHE 

BANCHE ED INTERMEDIARI FINANZIARI 

inizio pagina


Nuove scadenze e termini di pagamento

Dal 1° gennaio 2004 per i residenti nella Regione Lombardia c'è un duplice regime di scadenze.

Il primo riguarda i veicoli immatricolati in data precedente al 1° gennaio 2004 e il secondo, invece, riguarda i veicoli che, a partire dal 1° gennaio 2004, sono interessati da prima immatricolazione, rientro da esenzione, rientro in possesso.

veicoli immatricolati prima del 1° gennaio 2004

veicoli interessati da prima immatricolazione, rientro da esenzione o rientro in possesso a partire dal 1° gennaio 2004 e veicoli provenienti da fuori Regione

pagamenti inferiori all'annualità

Legge Regionale n.10 del 14/07/2003

Circolare Regionale n.3 del 13/01/2004

inizio pagina


 

 

Ciclomotori e quadricicli leggeri

Dal 1° gennaio 2014, ai sensi della L.R. 24/2014, da parte dei residenti in Lombardia non è più dovuta la tassa di circolazione annuale per ciclomotori fino a 50 cc e per i quadricicli leggeri con cilindrata del motore pari o inferiore a 50 cc o di potenza massima pari o inferiore a 4 KW (cd. "Minicar").

Eventuali pagamenti effettuati dal 1° gennaio 2014, sono rimborsabili.

 

inizio pagina


 

Termini di pagamento per i residenti nei comuni terremotati

I soggetti che alla data del 20 e del 29 maggio 2012 avevano la residenza o la sede operativa  nei seguenti comuni della Provincia di Mantova, beneficiano  della sospensione dal pagamento dei tributi da corrispondere dal mese di maggio 2012 al mese di novembre 2012: Bagnolo San Vito, Borgoforte, Borgofranco sul Po, Carbonara di Po, Castelbelforte, Castellucchio, Curtatone, Felonica, Gonzaga, Magnacavallo, Marcaria, Moglia, Ostiglia, Pegognaga, Pieve di Coriano, Poggio Rusco, Porto Mantovano, Quingentole, Quistello, Revere, Rodigo, Roncoferraro, Sabbioneta, San Benedetto Po, San Giacomo delle Segnate, San Giovanni del Dosso, Schivenoglia, Sermide, Serravalle a Po, Sustinente, Suzzara, Villa Poma, Villimpenta, Virgilio


Regione Lombardia ha stabilito di non procedere all'applicazione delle sanzioni e dei relativi oneri accessori per i pagamenti ordinari della tassa automobilistica dovuti nei mesi di maggio, giugno, luglio, agosto, settembre e ottobre 2012, purché essi siano effettuati a partire dal 1° agosto 2012 ed entro il 31 dicembre 2012

Beneficiano di analoga sospensione coloro che alla data del 20 maggio 2012 avevano la residenza o la sede operativa nella città di Mantova, nel solo caso in cui siano in possesso di dichiarazione di inagibilità della casa di abitazione, dello studio professionale o dell'azienda, verificata dall'Autorità comunale.


In entrambi i casi è importante sapere che eventuali versamenti comunque effettuati nel periodo di sospensione, non saranno oggetto di rimborso.

inizio pagina


Riduzioni ed esenzioni

I benefici fiscali previsti in materia di bollo auto si realizzano attraverso una riduzione della tariffa o una esenzione completa dal pagamento della tassa e possono riguardare numerose tipologie di veicoli:

ecoincentivi regionali 2014 e 2015

ecoincentivi 2018

veicoli storici

veicoli destinati ai disabili

veicoli ONLUS

veicoli consegnati ai concessionari per la rivendita

esenzione per esportazione temporanea extra-comunitaria

ulteriori riduzioni

ulteriori esenzioni

inizio pagina


Rimborsi

Il rimborso della tassa automobilistica viene concesso nei seguenti casi:

  • se è stato effettuato un doppio pagamento (con la stessa scadenza);
  • se è stato effettuato un pagamento in eccesso;
  • se è stato effettuato un pagamento non dovuto (ad esempio a seguito di furto, vendita effettuata in data antecedente all'inizio del periodo tributario o demolizione del veicolo, ecc. in data antecedente all'inizio del periodo tributario).

Regione Lombardia inoltre nei casi di furto, demolizione o esportazione definitiva all'estero di un veicolo riconosce il rimborso della frazione di tassa versata e non fruita. L'importo rimborsabile è calcolato in dodicesimi, corrispondenti ai mesi decorrenti da quello in cui si è verificato l’evento (l’annotazione al PRA per l’esportazione) fino a quello di scadenza del versamento in corso di validità. Non è possibile ottenere il rimborso se l’evento si è verificato nell’ultimo mese di validità del versamento. Per i casi di furto o esportazione all'estero è indispensabile ai fini del rimborso che siano già state presentate al Pubblico Registro Automobilistico le relative formalità.

Le domande di rimborso, redatte in carta libera, devono essere indirizzate a:

Regione Lombardia
Presidenza
DC Programmazione, finanza e controllo di gestione
UO Tutela delle entrate tributarie regionali
Piazza Città di Lombardia n. 1
20124 Milano

e vanno presentate presso le Delegazioni ACI o presso gli altri soggetti (studi di consulenza) autorizzati dalla Regione.

Sulla domanda devono essere riportati nome, cognome, residenza, codice fiscale (o partita IVA) e numero di telefono del richiedente; inoltre devono essere indicate anche le modalità con cui si vuole ricevere il rimborso (c/c postale, bancario ABI e CAB, assegno circolare non trasferibile con spese a carico del destinatario).

N.B. Il contribuente deve presentare richiesta di rimborso entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello in cui doveva essere effettuato il pagamento nei termini di legge (art.5 del decreto legge 30 dicembre 1982, n.953).

Alla domanda di rimborso deve essere allegata la seguente documentazione:

in caso di doppio pagamento

  • originale della ricevuta di versamento del bollo da rimborsare;
  • fotocopia della ricevuta di versamento del bollo valido;
  • fotocopia della carta di circolazione;

in caso di pagamento in eccesso

  • fotocopia della ricevuta di versamento del bollo pagato in eccesso;
  • fotocopia della carta di circolazione;

in caso di versamento non dovuto

  • originale della ricevuta di versamento del bollo da rimborsare;
  • fotocopia dell'atto da cui risulti che il pagamento non è dovuto (es.: denuncia di furto, copia dell'atto di vendita, certificato di avvenuta consegna per la demolizione, ecc.).

ATTENZIONE: non si procede al rimborso di somme pari o inferiori ad Euro 15,00.

inizio pagina


Cosa fare se...

a) non si è pagato il bollo alla scadenza fissata
b) si è pagato in misura inferiore al dovuto

a) ritardo nel pagamento

Se la tassa automobilistica viene versata dopo la scadenza del termine previsto, all'importo originario vanno aggiunti le sanzioni e gli interessi fissati dalla legge.

Regolarizzazione entro l'anno

  • una sanzione, pari allo 0,1% per ogni giorno di ritardo, se il versamento viene regolarizzato entro 15 giorni (ravvedimento veloce) dalla scadenza del termine utile per il pagamento, più gli interessi legali giornalieri con maturazione giorno per giorno come riportato nella tabella “Periodo di vigenza interessi legali”
  • una sanzione pari all'1,5% della tassa medesima, se il versamento avviene entro 30 giorni (ravvedimento breve) dalla scadenza del termine utile per il pagamento, più gli interessi legali giornalieri come riportato nella tabella “Periodo di vigenza interessi legali”
  • una sanzione pari all'1,67%, se il versamento avviene dal trentunesimo giorno al novantesimo giorno dalla scadenza del termine (ravvedimento medio), più gli interessi legali giornalieri come riportato nella tabella “Periodo di vigenza interessi legali”
  • una sanzione pari al 3,75%, se il versamento avviene dopo il novantesimo giorno ma non oltre un anno dalla scadenza del termine (ravvedimento lungo), più gli interessi legali giornalieri come riportato nella tabella “Periodo di vigenza interessi legali”

Tabella riepilogativa di sanzioni ed interessi legali nell'ambito del ravvedimento operoso.

Periodo di vigenza sanzioni

Ravved. 
veloce
(entro 15 giorni)

Ravved.  breve
(entro 30 giorni)

Ravved.  medio
(entro 90 giorni)

Ravved. lungo
(entro un anno)

Fino al 28/11/2008

"

3,75%

"

6%

Dal 29/11/2008 al 31/01/2011

"

2,5%

"

3%

Dal 01/02/2011

"

3%

"

3,75%

Dal 06/07/2011

0,2% al giorno

3%

"

3,75%

Dal 01/01/2015

0,2% al giorno

3%

3,33%

3,75%

Dal 01/01/2016

0,1% al giorno

1,5%

1,67%

3,75%

Periodo di vigenza interessi legali

Tasso annuo

Dal 01/01/2004 al 31/12/2007

2,5%

Dal 01/01/2008 al 31/12/2009

3%

Dal 01/01/2010 al 31/12/2010

1%

Dal 01/01/2011 al 31/12/2011

1,5%

Dal 01/01/2012 al 31/12/2013

2,5%

Dal 01/01/2014 al 31/12/2014

1%

Dal 01/01/2015 al 31/12/2015

0,5%

Dal 01/01/2016 al 31/12/2016

0,2%

Dal 01/01/2017 al 31/12/2017

0,1%

Dal 01/01/2018

0,3%

Regolarizzazione oltre l'anno

Dopo un anno dalla scadenza del termine viene applicata una sanzione pari al 30% della tassa dovuta.
Per i versamenti effettuati senza ravvedimento con un ritardo non superiore a quindici giorni, la sanzione è pari all’1% per ciascun giorno di ritardo.
Per i versamenti effettuati senza ravvedimento con un ritardo non superiore a novanta giorni, la sanzione è pari al 15%.

In fase di accertamento per la Lombardia, ai sensi della L.R. 14 luglio 2003 n.10, art.90, c.6, sono dovuti gli interessi moratori, nella misura dell’interesse legale attualmente pari allo 0,3% in ragione d’anno, con maturazione giorno per giorno, a decorrere dal giorno successivo a quello entro il quale doveva essere effettuato il pagamento e fino al giorno di emissione dell’atto di accertamento.

b) pagamento insufficiente

Se la tassa automobilistica è stata versata in misura insufficiente, bisogna integrare il pagamento, versando la differenza tra quanto effettivamente dovuto e quanto pagato e calcolando su questa cifra anche la sanzione e gli eventuali interessi (vedi punto precedente).

Inoltre: Regione Lombardia www.regione.lombardia.it

inizio pagina