Sei in Home / Archivio notizie / ACI, Euro NCAP: massimo punteggio per 8 auto su 11

ACI, Euro NCAP: massimo punteggio per 8 auto su 11

06.12.2023

Cinque stelle per VW, Mercedes, BMW, BYD, Xpeng e Smart

Undici le auto testate da Euro NCAP nell’ultima prova del 2023: Volkswagen ID.7, BMW Serie 5, Mercedes- EQE, BYD TANG, Kia EV9, XPENG G9, VinFast VF8, Smart #3, BYD SEAL-U, Honda ZR-V e Hyundai KONA.

I produttori, più o meno noti, stanno rispondendo bene ai requisiti di Euro NCAP, entrati in vigore all'inizio di quest'anno, otto degli undici veicoli, infatti, hanno ricevuto la massima valutazione: cinque stelle.

La Volkswagen ID.7 familiare elettrica a quattro porte di medie dimensioni, raggiunge un punteggio elevato del 95% nella protezione degli adulti, ottenendo uno dei migliori risultati complessivi dell'anno. Questa vettura fornisce non solo protezione ai propri occupanti, ma anche agli altri. Cinque stelle.

La BMW Serie 5 è subito dietro la Volkswagen in termini di prestazioni di sicurezza, non altrettanto buone nella protezione del bacino e del femore nel crash test frontale. Anche lei è stata valutata cinque stelle.

La Mercedes-EQE SUV elettrico, raggiunge una prestazione complessivamente molto buona, in particolare nelle tecnologie di assistenza alla sicurezza. Delude la mancanza di robustezza del sistema airbag centrale dell’auto. Ottiene cinque stelle.

La prima auto cinese nella lista di prove di dicembre è la BYD TANG, uno dei più grandi produttori al mondo di batterie e, da molti anni, produttore di auto elettriche in Cina. Dimostra di avere requisiti di sicurezza con un buon punteggio complessivo e una valutazione a cinque stelle.

Euro NCAP ha anche testato il piccolo SUV di BYD, SEAL-U che si è comportato bene con punteggio di cinque stelle.

La Kia EV9, contendente per il titolo di Auto dell’anno 2024, è il primo veicolo elettrico a tre file di sedili di Kia. Il veicolo viene fornito equipaggiato con una gamma di dispositivi per la sicurezza dei bambini e ha una buona prestazione dinamica. Raggiunge il massimo punteggio di cinque stelle.

L'XPENG G9 ha ricevuto una doppia valutazione in quanto è stato sottoposto simultaneamente a test di sicurezza e a Green NCAP. Buoni i risultati nel complesso, ad eccezione dello scivolamento del dummy sotto la cintura di sicurezza con un rischio di lesioni addominali. Il G9 raggiunge le cinque stelle di Euro NCAP e ha ricevuto anche una valutazione a cinque stelle da Green NCAP.

La Smart #3, prodotta in Cina da Geely, è più grande dei veicoli precedentemente realizzati da Smart, non è dotato di rilevamento della presenza di bambini e riesce a raggiungere un punteggio di cinque stelle.

La startup vietnamita di veicoli elettrici VinFast ha, recentemente, lanciato il suo primo modello in Europa, il SUV VF8. L'auto ha ottenuto una valutazione di quattro stelle, deludendo per la mancanza di robustezza del sistema di ritenuta, buona la protezione dei bambini e degli utenti vulnerabili.

Il piccolo SUV Honda, la ZR-V è l'unica vettura che offre un propulsore ibrido puro e il veicolo più leggero tra le auto valutate. Le sue prestazioni sia nei crash test che nei test di sicurezza attiva sono state valutate quattro stelle.

Quattro stelle anche per la Hyundai KONA, alcune criticità nell'assistenza alla guida e nella prevenzione degli incidenti.

“Euro NCAP è stata spesso accusata di promuovere l'aumento del peso delle automobili - ha dichiarato Michiel van Ratingen, Segretario generale Euro NCAP. Si pensava, infatti, che caratteristiche di sicurezza aggiuntive significassero massa extra. L’aumento del peso dei veicoli a cui assistiamo oggi non è certamente legato alla sicurezza, ma dipende dalle preferenze dei consumatori: veicoli più grandi e l'elettrificazione. Questa è una tendenza che non aiuta né la sicurezza né l’ambiente: le auto grandi e pesanti sono meno efficienti dal punto di vista energetico rispetto a quelle piccole e leggere e c'è un problema di sicurezza quando questi due tipi veicoli entrano in collisione o, peggio, quando sono coinvolti utenti vulnerabili”.